Cicerone ne sarebbe orgoglioso

Girovagando nella vasta immensità della rete oggi ho trovato questo “libro”: Ali Almossawi – An Illustrated Book of Bad Arguments. Mi è piaciuto subito per un motivo in particolare, ovvero spiega a fumetti gli errori logici delle argomentazioni fallaci più comuni.

Schermata 2013-09-10 alle 13.14.35Ti faccio un esempio: ti è capitato mai (in genere le argomentazioni fallaci le sfruttano di proposito i politici) di sentire qualcosa del tipo “o aumentiamo le tasse, o non usciremo dalla crisi!” ?

In questo caso si sta dando per presupposto che lo spettro delle scelte si riduca a solo due scelte. O  che tu debba scegliere 😉

In quel caso si è usato lo stratagemma del “False Dilemma”, o del “Finto Dilemma”, dove appunto se uno esclude una scelta, l’altra deve accettarla per forza (o il presupposto comune) non essendone apparentemente previste altre.

La conoscenza e lo studio di queste argomentazioni fallaci è essenziale in quanto innanzitutto ci permette di riconoscerle quando sono usate per mascherare la pochezza della sostanza dell’argomentazione in una discussione (a volte lo facciamo senza nemmeno accorgercene) e in secondo luogo perché in determinate circostante vengono usate per suscitare l’attivazione del funzionamento ipnotico della mente.

Dato che per fortuna/sfortuna la nostra mente non è un computer, l’uso di queste tecniche inganna facilmente il cervello, soprattutto quando i fattori in gioco hanno implicazioni emotive forti: Milton Erickson (le cui gesta oramai si perdono nella leggenda) usava proprio il “False Dilemma” per mandare in ipnosi i suoi pazienti in alcuni casi – “Quando vuole andare in ipnosi? Adesso o tra 5 minuti?” presuppone che in ogni caso in ipnosi ci vai, dandoti l’illusione di scelta e quindi di controllo.

“Io sono l’ipnotista più veloce del mondo” allo stesso modo ha come presupposto che io sia un ipnotista. Si potrà mettere in dubbio che io sia o no il più veloce del mondo, ma non il fatto che sia un ipnotista. Come dire, la scelta nasconde alla mente il presupposto della scelta.

Ali Almossawi raccoglie in questo libro tutte le argomentazioni fallaci più comuni e usate, e le illustra anche con un fumetto rendendo la comprensione molto facile.

Su questa pagina potete trovare il libro da sfogliare online, e in fondo alla pagina trovate anche un link per donare direttamente qualcosa all’autore in quanto il libro l’ha rilasciato con licenza Creative Commons BY-NC, il che significa che potete adattarlo, copiarlo per scopi non commerciali e citando sempre l’autore originale. La donazione, oltre a simboleggiare l’apprezzamento per l’opera, spronerà ovviamente l’autore a produrre altro.

Visto che la licenza lo permette, ho deciso di investire anche io del tempo e smanettando un po’ ho creato un pdf con tutte le pagine del libro che è molto più comodo da leggere, e i lettori di Illusioni Mentali in esclusiva lo possono trovare qui!

Buona lettura!

PS se l’argomento ti stuzzica, ti dò una dritta. Esiste un’università online che ha un video-corso proprio su quest’argomento. Forte il 2013, eh? Quanto costa il corso? Niente. Davvero. Nulla. Il corso si chiama “Think Again: How to Reason and Argue” ed è fatto benissimo. Stra-consigliato. Come stra-consigliato è il fatto di tenere sott’occhio l’offerta di Coursera.


Pinterest

, ,

  • Walter Sambuca Navarini

    fantastico…….